ULTIME NOTIZIE
#MILANODESIGNWEEK2018
...
17 - 22 APRILE 2018
...


MAGAZINE



Una volta inserita la mail dovrete digitare il codice di autenticazione e completare la richiesta di sottoscrizione.
Vi arrivera' una mail di conferma.
Se questa non vi arriva controllate le cartelle SPAM o reinserite la mail.
INFORMATIVA SULLA PRIVACY
INFORMATIVA SUI COOKIE


A.D.I.

LEGGI DI PIÙ

dicembre 13, 2017

Serramenti protagonisti

Luminosità e trasparenza caratterizzano una villa realizzata lungo la costa abruzzese, nella quale sono protagonisti i serramenti.

Il progetto di D&R Studio Architetti Associati, pone estrema attenzione all’inserimento paesaggistico, alla sostenibilità della costruzione e all’impiego dell’energia rinnovabile: la scelta dei materiali, le soluzioni per il contenimento dei consumi e la cura prestata alle sistemazioni esterne concorrono a minimizzare l’impatto ambientale dell’edificio.

Il portone sezionale installato presso la villa lungo la costa a Pineto è un prodotto Hörmann LPU 40 (dimensioni: larghezza 3.330 mm; altezza 2.250 mm), con finitura Silkgrain (effetto seta) con greca “L” e colore esterno bianco RAL 9016.

H-Villa a Pineto 1 H-Villa a Pineto 5 H-Villa a Pineto 2 H-Villa a Pineto 3 H-Villa a Pineto 4

The post Serramenti protagonisti appeared first on Interni Magazine.



Tratto da: Interni Magazine

Vacanze di design

Amate il mondo dell’arredamento, della decorazione della casa e del progettare? Magari siete anche già partiti per le vacanze di Natale? Perfetto, perché il calendario del design prevede un fitto elenco di appuntamenti tra aste e mostre.
Si parte da New York dove in casa Sotheby’s torna l’evento annuale Important Design. In vendita pezzi storici e del dopoguerra. Le opere provengono da numerose e apprezzate collezioni private, tra queste: la Jerome and Ellen Stern collection, la collezione di Hana Soukupová e Drew Aaron e la Jacqueline Fowler collection.
Restiamo nella Grande Mela, ma ci spostiamo al Rockefeller Center dove la casa d’aste Christie’s lancia una doppia occasione per fare affari. Il 13 dicembre con Interiors, tra i lotti c’è la collezione di Elizabeth Brooke Blakee, il 14 con Design, dove la punta di diamante sono i pezzi smaltati Tiffany Studios.

Ci spostiamo in Francia, a Parigi, ma protagonista è il Brasile. Da Piasa il 13 dicembre si batte l’asta Design + Art do Brasil: cento pezzi di design brasiliano dagli anni Cinquanta ai giorni nostri.

Sempre a Parigi dal 13 dicembre prende il via la mostra che celebra i 40 anni del Centro Pompidou. Nella sala 1 del museo si percorre passo dopo passo la sua storia attraverso ritagli di giornale, riviste di settore e reportage fotografici che mostrano la sua costruzione.
A Barcellona invece presso il Museo del Design, da domani fino al 25 febbraio 2018, si può visitare Adolf Loos. Private spaces: un viaggio nella Vienna del Ventesimo secolo attraverso i progetti, gli oggetti più significativi e i mobili dell’architetto austriaco.

A casa nostra, precisamente a Roma, dal 16 dicembre apre le porte Palazzo Altemps in occasione di Citazioni pratiche. La collezione di sculture e gli spazi del palazzo fanno da cornice a oltre ottocento opere di Fornasetti. Disegni, mobili, accessori ripercorrono la produzione dell’atelier Fornasetti dagli anni Trenta a oggi.

 Se ve le siete perse o non avete avuto tempo, queste feste sono una buona occasione anche per visitare: Ettore Sottsass – There is a planet, la mostra che la Triennale di Milano dedica all’artista per il centenario della nascita e i dieci anni della sua scomparsa (fino all’11 marzo 2018), o la retrospettiva An Eames Celebration al Vitra Design Museum di Weil am Rhein (fino al 25 febbraio 2018).

 

Nella foto apertura lo specchio ottagonale di Anthony Redmile del 1970, in vendita all’asta Interiors di Christie’s, valore stimato tra i 3.400 e i 5.100 euro



Tratto da: design.repubblica.it/

Drappeggio di pietra

Drap, il tavolino disegnato da Paolo Ulian per l’azienda Silvestri Marmi ed esposto nell’ambito di The Italian Stone Theatre (mostra Territorio & Design), si è aggiudicato l’Icon Award. L’opera diventerà dunque protagonista nella nuova campagna di comunicazione di Marmomac 2018.

Drap è l’emblema di un’opera d’arte che valorizza le peculiarità della pietra naturale rispetto ai materiali sintetici, ossia quelle imperfezioni che qui divengono qualità estetiche, grazie a importanti ricerche tecnologiche.

Il taglio water jet, utilizzato per la realizzazione di Drap, quando si trova ad operare su alti spessori di marmo tende a perdere la sua precisione nella parte finale del taglio producendo delle increspature irregolari. Queste, solitamente ritenute un difetto, vengono qui sottolineate e fatte emergere. Una sorta di drappeggio che quasi spontaneamente assume l’aspetto di una tovaglia.

_DSC8642_Luca Morandini fotografo 19 Schermata 2017-12-12 alle 12.45.53 Schermata 2017-12-12 alle 12.45.43

The post Drappeggio di pietra appeared first on Interni Magazine.



Tratto da: Interni Magazine

#ADI : L'Italia è differente


L'Italia e il suo design protagonisti alla Business Design Week 2017 di Hong Kong, che si è svolta dal 4 al 9 dicembre: il padiglione italiano al centro dell’esposizione, con il titolo 'It sign – Italy makes a difference', raccoglie anche con il contributo di ADI i segni della differenza italiana nel design e nella produzione.


Leggi la notizia completa [QUI]

Una macchina per esporre

All’interno del patrimonio storico-culturale della capitale, il Palazzo delle Esposizioni, edificio in stile neoclassico affacciato su via Nazionale progettato da Pio Piacentini nel 1877 e inaugurato nel 1883, è uno dei punti di riferimento per l’arte contemporanea.

Dopo l’ultimo intervento di restauro, riqualificazione e adeguamento funzionale sviluppato a tre mani dagli architetti Firouz Galdo (progetto definitivo), ABDR Architetti Associati (progetto esecutivo) e Michele De Lucchi (direttore artistico e progetto degli interni), è oggi uno spazio elegante sviluppato su tre livelli per un totale di circa 12 mila metri quadri.

L’intervento ha consentito di adeguare la struttura alle nuove funzioni richieste, sia dal punto di vista della distribuzione degli spazi principali e di servizio, sia per quanto riguarda l’implementazione della dotazione tecnologica per la migliore esposizione e conservazione delle opere.

Secco Sistemi ha sostituito i serramenti esistenti delle finestre e delle grandi porte d’ingresso, nell’ottica di un miglioramento generale delle prestazioni dell’involucro e della sicurezza dei visitatori: sistemi in grado di garantire performance tecnologiche avanzate ma anche di inserirsi al meglio nell’architettura dell’edificio.

Schermata 2017-11-27 alle 11.42.14 Schermata 2017-11-27 alle 11.42.30 Schermata 2017-11-27 alle 11.42.36 Schermata 2017-11-27 alle 11.42.43 Schermata 2017-11-27 alle 11.43.00 Schermata 2017-11-27 alle 11.42.50

The post Una macchina per esporre appeared first on Interni Magazine.



Tratto da: Interni Magazine

La poltrona con libreria per bambini

Abituare i bambini sin da piccoli alla lettura è uno dei regali più belli che possiamo fare loro per la vita e il design ci aiuta con mobili pensati apposta per promuovere la lettura e il suo piacere. Oggi parliamo di un’idea di Whitney Brothers.

Si chiama Contemporary Reading Chair Bookcase ed è proprio quello che il nome annuncia, una poltrona con libreria incorporata per godersi la lettura dei propri libri preferiti avendoli tutti a portata di mano, in ordine e accessibili anche ai più piccini che possono prenderli e riporli da soli.

Creare un ambiente confortevole, amichevole e accogliente invoglia alla lettura, specialmente se è anche colorato, divertente e a misura di bambino. Era proprio questa l’idea in mente quando si è deciso di creare questo piccolo salottino per i più piccoli.

La poltrona è ampia e comoda e sul retro della spalliera alta accoglie diversi scaffali per sistemare i propri albi illustrati favoriti e tutti i libri del cuore, subito e facilmente accessibili. È costruita in laminato di betulla con finitura atossica e coordinata ad altri mobili per la cameretta. O un asilo.



Tratto da: www.designbuzz.it

dicembre 12, 2017

#ADI : La premiazione ad Hangzhou


Dopo la premiazione a Milano i vincitori dell'edizione 2017 di SPORT – PERFORMANCE AND INNOVATION hanno partecipato il 5 dicembre a una cerimonia analoga nella sede di Hangzhou della CIDA, China Industrial Design Association.


Leggi la notizia completa [QUI]

Luci sotto l’albero

#ADI : Legno, cultura artigiana e design


Le vie del Compasso d’Oro arrivano lontano: il percorso tra gli oggetti selezionati da ADI Design Index e premiati nelle varie edizioni della manifestazione, promosso da ADI Lombardia, arriva a Cantù, al Riva Center, con una visita guidata al Museo del Legno e al Pangea Lab, che affiancano l’attività di produzione dell’azienda.


Leggi la notizia completa [QUI]

Amigdala

Tibaldi Arte Contemporanea espone la mostra Amigdala, esposizione personale dell’artista italo-brasiliana Flaminia Mantegazza, a cura di Damiana Enea, con il patrocinio dell’Ambasciata del Brasile a Roma.

Il lavoro di Flaminia Mantegazza si inserisce come anello di congiunzione tra le due culture, quella scientifica e quella artistica, rielaborando espressioni intime in relazione con l’apparato storico e sociale proprio del nostro secolo.

È l’amigdala dell’artista nella quale si sviluppa il percorso, un allestimento sinaptico di un procedimento mentale, quello delle emozioni.

L’amigdala è la zona della corteccia celebrale che elabora e gestisce le impressioni, traducendole in ira, paura, sconforto, gioia, amore ed entusiasmo, scandendo l’esistenza in un rapido susseguirsi di suggestioni e turbamenti, in un circolo vizioso di ricordi e virtuosismi, inquietudini e melanconie.

L’allestimento pensato come installazione è il luogo privato della mente dell’artista, che elabora e concretizza pensieri ed emozioni filtrati dall’occhio dell’osservatore, protagonista e partecipe attivo di quest’amigdala universale.

 

mappa delle parole bianche ninfa Mappe

The post Amigdala appeared first on Interni Magazine.



Tratto da: Interni Magazine

#Vocidivilla

Una originale realtà museale apre al pubblico a Cernobbio, sul lago di Como: il Museo di Villa Bernasconi, un gioiello Liberty fresco di restauro aperto al pubblico.

In questo nuovo approccio museale, è la villa stessa a raccontarsi e a condurre i visitatori lungo un itinerario alla scoperta della sua storia e delle persone che vi hanno abitato, a partire dal 1906 (anno della costruzione) a oggi, con il supporto di soluzioni tecnologiche e di design.

Non si tratta di un museo nel senso tradizionale del termine, ma di un’esperienza fatta di suggestioni e connessioni guidate dalle #vocidivilla: un percorso innovativo e interattivo tra contenuti multimediali, oggetti e documenti storici in prestito da collezioni museali e private, ma anche attraverso esperienze multisensoriali (curiosare nei cassetti, assaggiare qualcosa di dolce, rispondere al telefono…).

Il concept del museo è quello della “casa che ti parla”: è la stessa Villa Bernasconi, infatti, a guidare il visitatore nel percorso museale attraverso il racconto in prima persona. Una nuova idea di museo che coinvolge il visitatore attivamente ed emotivamente, ponendolo al centro della narrazione e trasformandolo in un “ospite”.

Cernobbio Villa Bernasconi allestimento mostra Cernobbio Villa Bernasconi allestimento mostra Cernobbio Villa Bernasconi allestimento mostra Cernobbio allestimento museo Villa Bernasconi Cernobbio allestimento museo Villa Bernasconi Como Cernobbio Villa Bernasconi allestimento mostra

The post #Vocidivilla appeared first on Interni Magazine.



Tratto da: Interni Magazine

Larusmiani a Sankt Moritz

Si tratta del primo punto vendita Larusmiani in Svizzera. Il negozio è un tributo alla città, i colori richiamano quelli di San Maurizio, santo patrono di Sankt Moritz. Si tratta di un punto vendita stagionale, ma non è esclusa la possibilità di renderlo un vero e proprio flagship Larusmiani.

Realizzato dal team di architetti e progettisti dello storico marchio Milanese gli interni sono caratterizzati da pareti dai grafismi a contrasto e uno spazio minimalista. Toni del giallo senape e blu oceano e pavimento in moquette fanno da cornice per la proposta invernale Larusmiani.

Nella boutique i migliori capi in cachemire, lana vergine, pelle e altri tessuti pregiati per l’uomo che vive la montagna in-door e out-door. I Gentlemen’s essentials Lorenzi by Larusmiani completano l’offerta con una vasta gamma di accessori artigiananali per il grooming, la caccia, il tempo libero e la cucina.

Foto 08-12-17, 14 53 56_preview Foto 09-12-17, 15 11 55_preview Foto 09-12-17, 15 16 38_preview Foto 07-12-17, 17 29 41_preview Foto 09-12-17, 15 11 37_preview Foto 09-12-17, 15 12 54_preview Foto 09-12-17, 15 14 18_preview

The post Larusmiani a Sankt Moritz appeared first on Interni Magazine.



Tratto da: Interni Magazine

Tropical Carrarmato

In occasione dell’ottantesimo anniversario, Vibram porta alla Miami Design Week il nuovo concept sviluppato in collaborazione con i designer fratelli Campana.

Vibram Tropical Carrarmato, una infradito unisex realizzata completamente in gomma, celebra l’iconico disegno Carrarmato – creato nel 1937 da Vitale Bramani, il fondatore dell’azienda – e coniuga le performance e il design Vibram, in una interpretazione contemporanea e originale dal mood tropicale.

Vibram Tropical Carrarmato 1 Vibram Tropical Carrarmato 2 Vibram Tropical Carrarmato 3 Vibram Tropical Carrarmato

The post Tropical Carrarmato appeared first on Interni Magazine.



Tratto da: Interni Magazine

Lampade Ruche by Plumen a stampa 3D

La stampa 3D è ormai entrata di diritto tra i metodi di produzione più frequentati dal design e oggi scopriamo come nascono le lampade Ruche di Plumen. Si tratta di lampade a sospensione dal fascino contemporaneo perché realizzate proprio con l’ausilio della stampa 3D.

Il modello sviluppato al computer è stato poi riprodotto con le stampanti 3D di ultima generazione che consentono di ottenere oggetti perfetti, dalle forme impeccabili e dalla qualità estetica senza precedenti.

Ispirandosi alla natura, il modello da cui sono nate queste lampade simulano onde e movimenti rotatori che creano effetti visivi bellissimi, sia quando sono spente che quando sono accese e dunque irradiano la luce in modi del tutto inattesi.

Ricordano le foglie, i rami, lo sbocciare di un fiore ma anche il movimento dell’acqua, insomma l’ispirazione di partenza è del tutto naturale ma poi ci pensa la tecnologia. Il bulbo è appena visibile dall’esterno perché il paralume, pur essendo traforato, lascia trasparire solo la luce.

Le lampade sono realizzate in PLA biodegradabile o in materiali riciclati e sono prodotte solo su richiesta anziché industrialmente in massa, dunque si minimizza anche l’impatto ambientale di un oggetto che punta molto sulla sostenibilità.



Tratto da: www.designbuzz.it

Huawei a Milano

Huawei ha aperto il primo flagship store a Milano all’interno di CityLife Shopping District.

Una nuova concezione di store in cui viene in cui gli utenti sono immersi in una vera e propria experience hub. Si tratta infatti del primo negozio Huawei al mondo in cui viene sperimentato un modello esperienziale.

Huawei ha scelto come partner per un’esclusiva capsule collection, Pijama, brand italiano specializzato nella realizzazione di softcase e accessori in neoprene, connotato dalla particolare attenzione dedicata alle texture abbinate a dettagli glam.

Si tratta di una capsule di cinque prodotti 100% designed & made in Milan, disponibile in vendita esclusiva presso lo store Huawei di Milano. 

Il pattern – studiato appositamente per questa collaborazione – nasce dalla rielaborazione grafica del petalo di fiore che caratterizza il logo Huawei, il quale diventa elemento generatore del disegno mediante differenti dissolvenze su sfondo blu notte.

 

HW_CityLife_esterno2_preview HW_CityLife_interno1_preview HW_CityLife_interno3_preview HW_CityLife_interno6_preview Pijama x Huawei groupage_preview

The post Huawei a Milano appeared first on Interni Magazine.



Tratto da: Interni Magazine