Tendenze arredo e complementi 2018: i trend da Maison&Objet

Da Maison&Objet arrivano le ultime tendenze arredo del 2018

Dai mobili per la stanza da letto sino ai vasi di fiori, Maison&Objet rappresenta – insieme al Salone del Mobile di Milano e Homi – uno degli appuntamenti internazionali più importanti per il mondo dell’arredamento e dei complementi. Ecco allora una carrellata di anteprime dedicata a tutti coloro che vogliono arredare o risistemare la propria casa con stile e seguendo tutte le tendenze del 2018

Cinelli Piume e Piumini Valentina Giovando - Le volte che mi sei mancato Cinelli Piume e Piumini Cinelli Piume e Piumini Pijama SS18 Cinelli Piume e Piumini Cinelli Piume e Piumini Valentina Giovando - Fammi sognare Valentina Giovando - Amatemi Bello Novamobili

 



Tratto da: www.luxgallery.it

VicenzaOro 2018: assegnati gli Oscar dei gioielli per l’Andrea Palladio International Jewellery Awards (FOTO)

A Vicenza gli Oscar sono quelli del Gioiello e ieri, 19 gennaio, al Palladio Theater della Fiera di Vicenza si è celebrata, come ogni anno in occasione dell’edizione January di VICENZAORO, la cerimonia di premiazione dei 9 vincitori del premio internazionale più prestigioso e ambito del settore.Gli Andrea Palladio International Jewellery Awards sono un Premio internazionale dedicato alle eccellenze del gioiello contemporaneo negli ambiti della progettazione, della produzione, del retail, della comunicazione, della CSR e della carriera. È un evento che rappresenta un punto di riferimento per la gioielleria premium e uno strumento orientato a creare sinergie e a fare sistema tra i protagonisti del mondo orafo e del gioiello internazionale.

Massimiliano Bonoli, Luz Camino, Elsa Peretti, Caterina Occhio e i brand Palmiero, Chanel, Cartier, Tiffany, Van Cleef & Arpels hanno ottenuto il massimo riconoscimento dalla prestigiosa Giuria internazionale presieduta da Franco Cologni, fondatore della Fondazione Cologni – Mestieri D’arte e vincitore del premio alla carriera nella scorsa edizione.

Composta da Silvana Annicchiarico, Direttore Triennale Design Museum, Alba Cappellieri, Professore Design del Gioiello Politecnico di Milano, e Clare Phillips, Curatrice presso il Victoria and Albert Museum di Londra la giuria ha avuto il difficile compito di selezionare i nove vincitori.

Queste le 9 le categorie premiate: al miglior designer italiano, al miglior designer internazionale, alla migliore collezione italiana, alla miglior collezione internazionale, al miglior punto vendita monomarca, alla migliore campagna di comunicazione, all’azienda con il più qualificato progetto di responsabilità etica, sociale e ambientale, alla migliore campagna in ambito delle nuove comunicazione e infine, ma tutt’altro che ultimo, alla personalità che nella sua carriera ha maggiormente contribuito ad innovare il mondo della gioielleria e dell’oreficeria, aprendo nuovi orizzonti e lasciando un segno significativo nel comparto.

E queste le motivazioni che hanno accompagnato la premiazione:

  • Best Italian Jewellery Designer

Massimiliano Bonoli_ I gioielli di Massimiliano Bonoli si distinguono per la vocazione alla sperimentazione e all’innovazione tanto nei materiali con cui sono realizzati, quanto nelle tecnologie e nelle intersezioni disciplinari. Viene premiata la sua abilità nel guardare ai futuri dell’alta gioielleria.

  • Best International Jewellery Designer

Luz Camino_ I gioielli di Luz Camino rappresentano l’incontro tra l’armonia delle forme naturali e l’eleganza contemporanea. Natura e bellezza sono interpretati ai massimi livelli.

  • The Best Italian Jewellery Collection

Palmiero_ La collezione “Underwater World Collection” di Palmiero è un omaggio alla perfezione estetica della natura e a quella tecnica della manifattura. Questa collezione prende vita e movimento grazie all’eccellente manifattura orafa e allo studio dei volumi.

  • The Best International Jewellery Collection

Chanel_ La collezione Flying Cloud ha il merito di tradurre in materia preziosa i ricordi della giovane Coco Chanel. Zaffiri, diamanti e metalli preziosi rimandano ai suoi viaggi in Costa Azzurra, alle divise dei marinai, alle crociere sul Flying Cloud, lo yacht appartenuto a Hugh Grosvenor da cui la collezione prende il nome.

  • The Best Jewellery Communication Campaign

Cartier_ “How far would you go for love?” è una celebrazione dell’amore in piccoli episodi, che rimanda, con qualità e narrativa cinematografica, ad un romanticismo appassionato, coinvolgente come i preziosi Cartier.

  • The Best Jewelry Flagship Store

Tiffany, Milano_ La nuova location di Tiffany celebra l’eleganza del brand in un palazzo storico di Milano che affaccia su piazza del Duomo. Vetrine scintillanti, custodi di collezioni iconiche e straordinarie opere d’arte contemporanea, mirano a valorizzare le creazioni firmate Tiffany&Co.

  • Lifetime Achievement Award

Elsa Peretti_ il premio alla carriera va a una designer visionaria, che ha anticipato i cambiamenti non solo formali ma anche sociali e li ha tradotti in gioielli che hanno definito nuove identità femminili, coraggiose, eleganti e indipendenti.

  • Jewellery Corporate Social Responsibility

SeeMe_Un premio alla tenacia di Caterina Occhio per il suo instancabile sostegno alle donne vittime di aggressioni in Tunisia e in Turchia attraverso un simbolo semplice quanto potente: il cuore, per combattere ogni forma di violenza e restituire dignità, speranza e futuro alle donne.

  • The Best Communication New Media

VC&A_ La creatività di Van Cleef & Arpels viene enfatizzata in un viaggio onirico, L’Arche de Noé racontée par Van Cleef & Arpels – Multisensory Jewellery experience by Robert Wilson – Paris, Hong Kong, New York. Un’esperienza sensoriale che congiunge la migliore tradizione orafa con i nuovi linguaggi della contemporaneità.

 



Tratto da: www.luxgallery.it

VicenzaOro 2018: assegnati gli Oscar dei gioielli per l’Andrea Palladio International Jewellery Awards (FOTO)

A Vicenza gli Oscar sono quelli del Gioiello e ieri, 19 gennaio, al Palladio Theater della Fiera di Vicenza si è celebrata, come ogni anno in occasione dell’edizione January di VICENZAORO, la cerimonia di premiazione dei 9 vincitori del premio internazionale più prestigioso e ambito del settore.Gli Andrea Palladio International Jewellery Awards sono un Premio internazionale dedicato alle eccellenze del gioiello contemporaneo negli ambiti della progettazione, della produzione, del retail, della comunicazione, della CSR e della carriera. È un evento che rappresenta un punto di riferimento per la gioielleria premium e uno strumento orientato a creare sinergie e a fare sistema tra i protagonisti del mondo orafo e del gioiello internazionale.

Massimiliano Bonoli, Luz Camino, Elsa Peretti, Caterina Occhio e i brand Palmiero, Chanel, Cartier, Tiffany, Van Cleef & Arpels hanno ottenuto il massimo riconoscimento dalla prestigiosa Giuria internazionale presieduta da Franco Cologni, fondatore della Fondazione Cologni – Mestieri D’arte e vincitore del premio alla carriera nella scorsa edizione.

Composta da Silvana Annicchiarico, Direttore Triennale Design Museum, Alba Cappellieri, Professore Design del Gioiello Politecnico di Milano, e Clare Phillips, Curatrice presso il Victoria and Albert Museum di Londra la giuria ha avuto il difficile compito di selezionare i nove vincitori.

Queste le 9 le categorie premiate: al miglior designer italiano, al miglior designer internazionale, alla migliore collezione italiana, alla miglior collezione internazionale, al miglior punto vendita monomarca, alla migliore campagna di comunicazione, all’azienda con il più qualificato progetto di responsabilità etica, sociale e ambientale, alla migliore campagna in ambito delle nuove comunicazione e infine, ma tutt’altro che ultimo, alla personalità che nella sua carriera ha maggiormente contribuito ad innovare il mondo della gioielleria e dell’oreficeria, aprendo nuovi orizzonti e lasciando un segno significativo nel comparto.

E queste le motivazioni che hanno accompagnato la premiazione:

  • Best Italian Jewellery Designer

Massimiliano Bonoli_ I gioielli di Massimiliano Bonoli si distinguono per la vocazione alla sperimentazione e all’innovazione tanto nei materiali con cui sono realizzati, quanto nelle tecnologie e nelle intersezioni disciplinari. Viene premiata la sua abilità nel guardare ai futuri dell’alta gioielleria.

  • Best International Jewellery Designer

Luz Camino_ I gioielli di Luz Camino rappresentano l’incontro tra l’armonia delle forme naturali e l’eleganza contemporanea. Natura e bellezza sono interpretati ai massimi livelli.

  • The Best Italian Jewellery Collection

Palmiero_ La collezione “Underwater World Collection” di Palmiero è un omaggio alla perfezione estetica della natura e a quella tecnica della manifattura. Questa collezione prende vita e movimento grazie all’eccellente manifattura orafa e allo studio dei volumi.

  • The Best International Jewellery Collection

Chanel_ La collezione Flying Cloud ha il merito di tradurre in materia preziosa i ricordi della giovane Coco Chanel. Zaffiri, diamanti e metalli preziosi rimandano ai suoi viaggi in Costa Azzurra, alle divise dei marinai, alle crociere sul Flying Cloud, lo yacht appartenuto a Hugh Grosvenor da cui la collezione prende il nome.

  • The Best Jewellery Communication Campaign

Cartier_ “How far would you go for love?” è una celebrazione dell’amore in piccoli episodi, che rimanda, con qualità e narrativa cinematografica, ad un romanticismo appassionato, coinvolgente come i preziosi Cartier.

  • The Best Jewelry Flagship Store

Tiffany, Milano_ La nuova location di Tiffany celebra l’eleganza del brand in un palazzo storico di Milano che affaccia su piazza del Duomo. Vetrine scintillanti, custodi di collezioni iconiche e straordinarie opere d’arte contemporanea, mirano a valorizzare le creazioni firmate Tiffany&Co.

  • Lifetime Achievement Award

Elsa Peretti_ il premio alla carriera va a una designer visionaria, che ha anticipato i cambiamenti non solo formali ma anche sociali e li ha tradotti in gioielli che hanno definito nuove identità femminili, coraggiose, eleganti e indipendenti.

  • Jewellery Corporate Social Responsibility

SeeMe_Un premio alla tenacia di Caterina Occhio per il suo instancabile sostegno alle donne vittime di aggressioni in Tunisia e in Turchia attraverso un simbolo semplice quanto potente: il cuore, per combattere ogni forma di violenza e restituire dignità, speranza e futuro alle donne.

  • The Best Communication New Media

VC&A_ La creatività di Van Cleef & Arpels viene enfatizzata in un viaggio onirico, L’Arche de Noé racontée par Van Cleef & Arpels – Multisensory Jewellery experience by Robert Wilson – Paris, Hong Kong, New York. Un’esperienza sensoriale che congiunge la migliore tradizione orafa con i nuovi linguaggi della contemporaneità.

 



Tratto da: www.luxgallery.it

#ADI : Triennale: Boeri presidente


Stefano Boeri sarà il prossimo presidente della Triennale di Milano: all'appoggio del Comune, da tempo espresso dal sindaco Sala, e della Camera di Commercio, si è aggiunto anche quello della Regione Lombardia, e si attende la ratifica della nomina da parte del ministero dei Beni e delle attività culturali.


Leggi la notizia completa [QUI]

#ADI : Iniziative digitali: proposte aperte


Si svolge dal 15 al 18 marzo la Milano Digital Week: un palcoscenico e un momento di reciproco contatto per chi partecipa alla trasformazione digitale in atto nella città. Al programma dei progetti ideati appositamente per la manifestazione gli organizzatori vogliono aggiungere quelli spontaneamente presentati dagli operatori, senza classi di appartenenza, senza sbarramenti di sorta, senza curricula da esibire. Le proposte vanno presentate entro il 31 gennaio.


Leggi la notizia completa [QUI]

#ADI : ADI Packaging Design Award 2018: i premiati


Selezionati a MARCA, il salone bolognese della Private Label terza edizione di ADI Packaging Award, i vincitori dell’ADI Packaging Design Award 2018.


Leggi la notizia completa [QUI]

Le novità da Maison&Objet

Contaminazioni che arrivano da Oriente caratterizzano questo Maison&Objet, l’evento parigino che svela gli ultimi trend per arredare e decorare casa.
L’appuntamento è dal 19 fino al 23 gennaio presso il Parc des expositions Paris Nord Villepinte.
Nelle tre macroaree della fiera  – maison, objet e influences – ci sono tutte le novità dedicate all’abitare: mobili, accessori per la tavola, tessuti e fragranze.
Pattern e trame tropicali continuano a vestire, come nel 2017, gli ambienti domestici. Timidamente si fanno largo tra le proposte anche nuove nuance di colore: protagonista è l’Ultra Violet, scelto da Pantone come tonalità del 2018.

Il tema di questa edizione di Maison&Objet è Show-room. Vincent Grégoire dell’agenzia Nelly Rodi mette in scena spazi e vetrine interattive che spingono i visitatori a riflettere su un argomento molto attuale: «non è più il prodotto che fa il consumatore, ma è il consumatore che fa il prodotto». Attraverso le tecnologie digitali infatti chi compra ha accesso ad ogni tipo di informazione sulla merce, può confrontare i prezzi e ha anche la possibilità di esprimere un proprio commento e condividerlo con gli altri.

In occasione della fiera parigina si parlerà molto anche di made in Italy grazie ai Rising Talent Awards, che vedono ogni anno protagonista una nazione diversa impegnata nel presentare i suoi giovani talenti. A ricevere però il riconoscimento di Designer of the Year è la danese Cecilie Manz.

Nella foto d’apertura un’ambientazione Cappellini che a Parigi presenta Cappellini Goes Barocco: l’abitare ricco di dettagli decorativi e stilistici tipici del periodo Barocco



Tratto da: design.repubblica.it/

Lampade a stampa 3D di Gantri

Gantri mette a frutto l’esperienza della stampa 3D e crea una bellissima collezione di lampade da tavolo. A firmare le forme essenziali ma accattivanti delle lampade è la mano di Chris Granneberg che ha voluto rendere la linea molto variegata ma accomunata da uno stile unico.

Uno dei modelli che preferiamo si chiama Balloon e richiama nelle forme le lanterne cinesi tradizionali, pur rivisitandone i materiali. Tutte le altre lampade conservano comunque un fascino peculiare, che optino per linee essenziali o che scelgano qualche originalità.

Hanno un sapore scultoreo pur essendo tanto semplici nelle linee e nella loro esecuzione, che per l’appunto si serve di modelli sviluppati al computer e poi stampati secondo la tecnologia 3D che il design sta sperimentando ormai da anni con successo e risultati interessanti.

Ogni pezzo tuttavia è rifinito a mano da artigiani che ne perfezionano i dettagli donando alla singola creazione un tocco decisamente lussuoso e curatissimo in ogni particolare. Ce ne innamoriamo subito ma non sapremmo quale scegliere tra le tante. Scopritele in gallery.



Tratto da: www.designbuzz.it

Marni Market Parigi: l’immaginifico mondo Marni approda in Rue Saint Honoré

Marni Market arriva a Parigi

Il viaggio del Marni Market fa tappa a Parigi, portando l’immaginifico mondo Marni in Rue Saint Honoré 231. Per un periodo di cinque mesi lo spazio si trasformerà continuamente, offrendo ai visitatori la possibilità di scoprire le varie sfaccettature dell’universo Marni, acquistare una selezione di prodotti speciali esclusivi, immergendosi in un ambiente animato da colori accesi e stampe scenografiche in tre diverse momenti.

Gennaio 2018: MARNI VISITORS MARKET – Protagonisti i Marni Visitors, divertenti marionette in legno dipinto e resine colorate, personaggi a metà strada tra giocattolo e scultura che sembrano arrivare da un altro pianeta. Seguendo il percorso già intrapreso con la charity natalizia annuale, il ricavato delle vendite dei Marni Visitors sarà devoluto a favore dell’associazione Piccolo Principe (www.piccoloprincipe.va.it), che con la sua comunità Orso Baloo accoglie bambini in difficoltà da 0 a 5 anni sul territorio della provincia di Milano.

Marni, PopUp Visitors Marni, PopUp Visitors Marni, PopUp Visitors

1 febbraio – 12 aprile: MARNI PLAYFUL MARKET – La parola d’ordine è gioco. il Marni Playful Market è un invito a dimenticare regole e le strutture predefinite interagendo con lo spazio circostante e gli elementi che contiene: giocattoli da esporre o con cui intrattenersi, oggetti impossibili e sculture d’arredo che abbandonano il concetto di funzione e abbracciano il loro aspetto più ludico che deriva dalla libera interpretazione.

13 aprile – 18 maggio: MARNI HOUSE MARKET – Gli oggetti e gli arredi in legno, metallo e PVC colorato fatti a mano in Colombia e resi famosi dalle varie edizioni del Salone del Mobile di Milano popolano lo spazio celebrando il mese del design, creando un ambiente unico in cui artigianalità e creatività trovano la loro massima espressione.



Tratto da: www.luxgallery.it

#ADI : Progetto fuoco: un convegno e una selezione


Si tiene a Verona l’11a edizione di Progetto Fuoco, il più importante salone internazionale del settore degli impianti e delle attrezzature per la produzione di calore ed energia dalla combustione di legna: caminetti, focolari, cucine, sistemi di riscaldamento, macchine per il taglio e la preparazione del legname. Numerosi gli incontri e i convegni in programma, anche in collaborazione con l’ADI.


Leggi la notizia completa [QUI]

Materico effetto cemento

Situato in piazzale Accursio a Milano, una ex Stazione Agip si trasforma in Garage Italia Customs, nuovo atelier ristorante voluto da Lapo Elkann in collaborazione con l’architetto Michele De Lucchi e lo chef Carlo Cracco. Un’esperienza multisensoriale, con richiami agli anni ’50 e al mondo dei motori.

Il centro creativo è la Materioteca, luogo dove il sogno di personalizzazione diventa realtà. Sembra una biblioteca, ma al posto dei libri scorrono pareti di tessuti, pelli e campioni di lamiera in infinite variazioni cromatiche, che il cliente può scegliere per la propria vettura a seconda dei propri gusti ed esigenze.

A pavimento serviva una superficie materica, che ricreasse quella di un vero hub e si armonizzasse con lo stile industriale. E’ stato scelto Nuvolato Architop Ideal Work, soluzione cementizia che in 3-4 mm consente di ottenere una superficie continua e senza giunti di dilatazione, brutalista, contemporanea, graffiante.

Al primo piano si accede all’area ristorante, un gomito panoramico con ampie vetrate, dove gustare piatti del menù ideato da Carlo Cracco. Anche in questo spazio, tutto rimanda al mondo dei motori: al centro la scocca lavorata a mano della Ferrari Gto che funge da isola-drink; se si alza lo sguardo al soffitto, le lampade ricavate da marmitte e una pista elettrica giocattolo con 22 mini-modelli di Formula 1.

A pavimento, Nuvolato Architop, con le sue tonalità scure, esalta il colore chiaro della scocca-isola bar; e si fonde con il particolare Blue Navy delle pareti. Allo stesso tempo, la nuvolatura, con i suoi effetti dinamici, esalta lo stile industriale, creando una continuità stilistica a tutti gli ambienti interni del palazzo.

Presentazione Garage Italia Presentazione Garage Italia Presentazione Garage Italia

The post Materico effetto cemento appeared first on Interni Magazine.



Tratto da: Interni Magazine

Giardino indoor LeGrow

Un nome così lampante svela già molto su questo progetto firmato da Haobin Lin e chiamato LeGrow. Si tratta di un giardino indoor che consente di creare uno spazio verde in ambienti chiusi e che normalmente mancherebbero di un giardino.

Al posto di vasi e vasetti LeGrow crea un vero e proprio ecosistema con il tocco aggiuntivo del design che rivoluziona oggetti funzionali ma banali trasformandoli in elementi che arredano e appagano anche lo sguardo.

Si tratta di un sistema modulare personalizzabile che mette alla prova la vostra creatività e si adatta agli spazi a disposizione, con la possibilità anche di crescere ed espandersi nel tempo. Il coinvolgimento nella cura delle piante è minimo perché il sistema fa in modo che il processo possa andare avanti pressocché autonomamente.

I diversi blocchi che compongono il giardino sono dotati di sistema di irrigazione, ventilazione e illuminazione che si occupa di mantenere al meglio l’idratazione delle piante e il loro ambiente allo stato ottimale perché possano crescere rigogliose anche se non siamo esattamente dei pollici verdi.

C’è di più: lampade e umidificatori si possono collegare ad un modulo elettrico che garantisce loro l’energia necessaria e nel contempo, tramite 3 prese usb, fornire anche a voi un punto di ricarica per i vostri device.



Tratto da: www.designbuzz.it

Ho.Re.Ca. Design

Torna a febbraio, con la XIV edizione, il Corso di Alta Formazione HO.RE.CA. Design organizzato da POLI.design, Politecnico di Milano per studiare e analizzare i nuovi linguaggi della progettazione dedicata a Hotel, Ristoranti e Café.

La squadra dei docenti coinvolti quest’anno conta alcuni dei protagonisti più attivi sulla scena della progettazione Ho.Re.Ca. Quali, tra gli altri, Chiara Caberlon e Ermanno Caroppi (Studio CaberlonCaroppi), Maurizio Lai (Studio Lai) Nisi Magnoni (NMArchitects), Carlo Meo (creatore di concept), Stefano Nincevich (Direttore di Bar Giornale)

Il corso (da lunedì 12 a venerdì 16 febbraio 2018, con una frequenza di 5 giorni per otto ore giornaliere) rappresenta quindi, ancora una volta, la scelta migliore per architetti d’interni, progettisti e designer desiderosi di aggiornare le proprie competenze e di apprendere le tendenze internazionali più innovative per il settore. Il corso “Ho.Re.Ca. Design” ha la durata di 40 ore ed è riservato a un massimo di 40 iscritti.

Sono previste visite guidate dai docenti a locali di new entertainment, spazi retail e hotel innovativi di Milano, per approfondirne le caratteristiche, le funzioni e le soluzioni progettuali. Saranno inoltre consigliati ai partecipanti itinerari di visite di valore formativo da effettuare autonomamente.

Per informazioni sulle modalità di iscrizione contattare l’Ufficio Coordinamento Formazione di POLI.design: formazione@polidesign.net; tel. +39 02 2399 7275.

HORECA2018_cartolina Schermata 2018-01-17 alle 10.24.18 Schermata 2018-01-17 alle 10.24.31 Schermata 2018-01-17 alle 10.29.26 Schermata 2018-01-17 alle 10.30.02 renderhigh_Hotel4_Amalgama01 renderhigh_Hotel4_Amalgama02 renderhigh_Hotel4_Amalgama06 _immagine in evidenza_HORECA2018_logoFb-01-01

The post Ho.Re.Ca. Design appeared first on Interni Magazine.



Tratto da: Interni Magazine

Palestra per gatti Neko di Rinn

Chiamiamola palestra per gatti, oppure cuccia se i nostri felini sono particolarmente pigri, di sicuro è un accessorio talmente bello che a differenza dei soliti tiragraffi non ci dispiacerà esporre in casa nostra.

Si chiama Neko, la parola giapponese per gatto, ed è ideato proprio dal marchio nipponico Rinn che firma il progetto. I nostri gatti potranno farci un pisolino, rifarsi le unghie, arrampicarsi, giocare e rincorrersi.

Il legno proviene dalle foreste della zona di Hida, in Giappone, mentre la base è un marmo per dare la massima stabilità alla struttura, bellissima da vedere. Si eleva su tre livelli e offre spazio ai nostri amici gatti per rilassarsi o giocare.

Sono previsti anche parziali rivestimenti, ad ogni piano, in un tessuto Kvadrat per offrire ancora più comfort ai felini che si rilassano tra un gioco e l’altro. Con stile, s’intende, perché si tratta pur sempre di un accessorio di design.



Tratto da: www.designbuzz.it

Tendenze arredo e complementi 2018: Bialetti presenta una nuova linea per rendere unico ogni sorso di caffè

Bialetti: nuova linea di accessori per gustare il proprio caffè

Bialetti lancia una nuova linea di accessori per la preparazione e la degustazione del caffè dal design originale e dall’impeccabile funzionalità. Dall’expertise e dall’inesauribile creatività di Bialetti, autorità indiscussa nell’universo del caffè, arriva la linea di accessori per la preparazione e la degustazione del caffè studiati per completare con stile e originalità l’esperienza sensoriale della bevanda più amata dagli italiani.

bialetti_contenitoretermico_giallo Bialetti - Contenitore Termico Bialetti - Barattolo Dosacaffè Bialetti - Barattolo Dosacaffè bialetti_contenitoretermico_blu Bialetti - Barattolo Salvacaffè Bialetti - Macinacaffè Bialetti - Macinacaffè Bialetti - Contenitore Termico

La nuova linea di accessori Bialetti rappresenta un piccolo paradiso per gli appassionati, gli esperti e i perfezionisti di quel rituale che è un caffè “preparato a regola d’arte”. Le sue proposte catturano l’attenzione e scaldano la fantasia anche di quanti sanno apprezzare il design, gli accostamenti di colore e le soluzioni che uniscono creatività e innovazione.



Tratto da: www.luxgallery.it


Una volta inserita la mail dovrete digitare il codice di autenticazione e completare la richiesta di sottoscrizione.
Vi arrivera' una mail di conferma.
Se questa non vi arriva controllate le cartelle SPAM o reinserite la mail.
INFORMATIVA SULLA PRIVACY
INFORMATIVA SUI COOKIE