ULTIME NOTIZIE


INSTAGRAM


MAGAZINE



Una volta inserita la mail dovrete digitare il codice di autenticazione e completare la richiesta di sottoscrizione.
Vi arrivera' una mail di conferma.
Se questa non vi arriva controllate le cartelle SPAM o reinserite la mail.
INFORMATIVA SULLA PRIVACY
INFORMATIVA SUI COOKIE

Agende 2015_250x250


A.D.I.


Borse_mycloud_728x90
Taccuini_250x250

LEGGI DI PIÙ

marzo 28, 2017

EVENTO: Nuovo Cinema 500 alla Milano Design Week

EVENTO: Nuovo Cinema 500 alla Milano Design Week

GIORNO DI INIZIO: 04 - 04 - 2017

GIORNO DI FINE: 09 - 04 - 2017

ORARI: 10:0 / 13:00 - 16:00 / 19:00 (mercoledì 5 fino alle ore 22.00)

INDIRIZZO: via Oslavia 1, Milano c/o Padiglione Ventura Lambrate

QUARTIERE: Padiglione Ventura Lambrate

CONTATTI: www.fullofbeans.it / nuovocinema500@gmail.com

DESCRIZIONE:

Nuovo Cinema 500 approda a Milano per la Design Week, in occasione del Fuorisalone dal 4 al 9 Aprile 2017 nel Padiglione Ventura Lambrate, in Via Privata Oslavia 1.


La storica FIAT 500, ancora oggi simbolo di rinascita, cambiamento e desiderio, è stata trasformata in un cinema itinerante, in grado di custodire una molteplicità di storie e racconti. Nuovo Cinema 500 può accogliere due spettatori alla volta che, comodamente seduti sui sedili posteriori della macchina, possono vivere un'originale esperienza, intima e aggregante allo stesso tempo, che invita a fermarsi, guardare, emozionarsi e ripartire. 


Partito dal sud del Lazio nel 2014, Nuovo Cinema 500 ha già fatto il giro d'Italia. In pieno stile guerrilla urbana il progetto irrompe nelle città diventando elemento di valorizzazione degli spazi cittadini e delle comunità che le abitano. I giovani creativi che hanno dato vita a questo progetto si lasciano ispirare di volta in volta dall'identità dei luoghi, e delle persone di cui raccontano storie e memorie attraverso cortometraggi, video e brevi documentari. Di città in città, ogni tappa è un nuovo set per raccogliere immagini, paesaggi, volti, tradizioni e sogni.


Nuovo Cinema 500 è un progetto di Full Of Beans e riunisce talenti e competenze multidisciplinari: Diana Ciufo (architetto) ideatrice e curatrice del progetto, Elisa Cuciniello (curatrice e studiosa di performing arts) per la ricerca videografica, Marco Mastantuono (psicologo e Theatre Coach) per l'allestimento e la consulenza artistica, Edoardo Palma (regista) per i contributi video.


Al pubblico il compito di entrare, sedersi e sorridere.


Guarda il nostro video promo › https://vimeo.com/209754494





Agnona a Londra


L’azienda italiana apre le porte di un nuovo temporary concept store nella celebre New Bond Street, nell’elegante quartiere Mayfair di Londra.

Lo spazio, progettato da Ciarmoli Queda Studio sotto la direzione creativa di Simon Holloway, si snoda su un unico livello per 100 metri quadrati e ospita le preziose collezioni della Maison: ready-to-wear e home in un ambiente caldo e accogliente che combina moda, design e cultura italiana.

 

Nel nuovo concept store di Agnona, che resterà nell’attuale indirizzo per tutto il 2017, creatività e artigianalità si fondono per dare vita ad uno spazio che nasce con lo spirito di accoglienza di un raffinato appartamento italiano dove gli oggetti, le sedute, i rivestimenti, derivano dalla alta qualità e tradizione delle fibre nobili dell’azienda.

 

Tappeti su misura in lana ispirati ai tessuti della Maison sono circondati da armadi in rovere foderati in lino, cosi come i busti couture, con cuciture sartoriali lungo il perimetro che accompagnano le forme dei preziosi abiti della collezione.

Più intima l’area vanity d’ispirazione mid Century in perfetta combinazione con le cromie naturali di Agnona, dal cammello al taupe.

Alle pareti suggestive carte da parati scaldano l’ambiente con un motivo check ispirato alle trame dei tessuti, alternato a delicate stampe di Prunus, pianta dalla rigogliosa fioritura.

Un tocco di luce è dato dalle lampade da tavolo con base in marmo di Carrara.

 

Schermata 2017-03-23 alle 20.13.12 Schermata 2017-03-23 alle 20.13.21 Schermata 2017-03-23 alle 20.13.29 Schermata 2017-03-23 alle 20.13.43 Schermata 2017-03-23 alle 20.13.56 Schermata 2017-03-23 alle 20.14.06 Schermata 2017-03-23 alle 20.14.13

The post Agnona a Londra appeared first on Interni Magazine.



Tratto da: Interni Magazine

Smeg store Moscova


In occasione del Salone del Mobile 2017, Smeg inaugura a Milano il rinnovato flagship store di via della Moscova 58.

 

700 metri quadrati articolati su tre piani. I materiali naturali utilizzati, vetro, legno di rovere e travertino, sono enfatizzati nella loro calda essenzialità dalla luce che, penetrando dalle vetrine aperte su Brera, valorizza gli spazi e illumina l’elemento distintivo del restyling: un rigoglioso giardino verticale alto otto metri che conferisce slancio all’ordito strutturale dell’edificio, visibile nella sua interezza.

 

Elemento caratterizzante del piano superiore è il vetro, utilizzato per definire gli spazi delle aree di lavoro e per le teche espositive dei piccoli elettrodomestici.

 

Nel basement una luce calda naturale con intensità pomeridiana, ottenuta grazie a una speciale illuminazione zenitale, crea una piacevole atmosfera da terrazza sul mare.

 

Nel progetto degli architetti Matteo Bazzicalupo e Raffaella Mangiarotti dello studio Deepdesign, in collaborazione con Edoardo Radice, l’eleganza si realizza per sottrazione e pone la scenografia degli ambienti al servizio del prodotto, vero e unico protagonista dell’esposizione.

 

Il nuovo concept reinterpreta i valori del marchio, capaci di coniugare tecnologia sostenibile e design di alto livello in una perfetta sintesi di forma e contenuto, e costituirà il riferimento per tutti gli store del gruppo Smeg nel mondo, a cominciare da quello di prossima apertura in Regent Street a Londra.

 

Da sempre Smeg produce “tecnologia che arreda”. Il nuovo format esalta la missione dell’azienda grazie a un’esposizione efficace ed emozionante, a un’atmosfera accogliente e tipicamente italiana, in grado di restituire al visitatore la cura del dettaglio e la ricerca dell’innovazione, che hanno reso Smeg famoso e apprezzato ovunque nel mondo.

 

Schermata 2017-03-28 alle 15.06.22 Schermata 2017-03-28 alle 15.06.29 Schermata 2017-03-28 alle 15.06.12 Schermata 2017-03-28 alle 15.06.04 Schermata 2017-03-28 alle 15.05.58 Schermata 2017-03-28 alle 15.06.36

The post Smeg store Moscova appeared first on Interni Magazine.



Tratto da: Interni Magazine

Attorno al patio


Nella tranquilla zona residenziale di Revere (Mantova) lo studio BiasiBonominiVairo Architetti ha progettato una residenza monofamiliare concepita attorno al patio, centro dell’intera composizione che, attraverso le generose vetrate perimetrali, permette la diffusione della luce in tutta la casa, favorendo un contatto diretto fra spazi interni e giardino.

Riservatezza, continuità spaziale e controllo ottimale dell’illuminazione naturale sono fra le principali caratteristiche di questa abitazione dai tratti architettonici contemporanei, capace di coniugare un’elevata qualità degli spazi interni con soluzioni tecnologiche all’avanguardia.

 

Per l’involucro vetrato le scelte progettuali si sono orientate verso la ricerca di soluzioni flessibili e omogenee sotto il profilo estetico, adattabili a seconda delle differenti condizioni ambientali (vetrate fisse e apribili ad anta e scorrevoli, geometrie inclinate, etc.) e con tende orientabili interne alle vetrocamere, per far fronte alle più svariate esigenze di luminosità.

Schüco ha saputo offrire e garantire il più ampio supporto progettuale, offrendo alternative flessibili, dal design lineare ed economicamente sostenibili.

Sono state scelte finestre e portefinestre Schüco AWS 75 BS.HI, in finitura argento, con apertura ad anta ribalta. Conosciute anche come soluzioni “con l’anta a scomparsa” permettono non solo di massimizzare la quantità di superficie vetrata, ma anche di garantire ottime prestazioni di isolamento termico.

Completano i sistemi di involucro gli alzanti scorrevoli Schüco ASS 70 HI ad anta singola con incasso laterale e le porte d’ingresso ADS 75.

 

Schuco Casa patio 067_full Schuco Casa patio 027_full Schuco Casa patio 063_full Schuco Revere Bianca 012_low Schuco Revere Bianca 033_low Schuco Revere Bianca 021_low Schuco Revere Bianca 039_low Schuco Revere Bianca 046_low Schuco Revere Bianca 069_low

The post Attorno al patio appeared first on Interni Magazine.



Tratto da: Interni Magazine

Still Motion


Still Motion presenta una serie di opere inedite create da cinque designer grafici internazionali e realizzate in pietra portoghese.

 

I designer – Ian Anderson, Jonathan Barnbrook, Stefan Sagmeister, Jessica Walsh, Pedro falcao e Jorge Silva - si appropriano delle tecniche di lavorazione della pietra, dalle più tradizionali fino a quelle più d’avanguardia, e le applicano alla specificità del design grafico.

 

Still Motion indaga il potenziale e le peculiarità della pietra portoghese, in particolare la ricchezza delle sue caratteristiche più evidenti, come il colore e la testura, tenendo in conto anche il suo comportamento fisico e meccanico.

Ha origine da una sfida: quella di sperimentare e di adattare questa materia in un’area progettuale in cui è insolito impiegarla: il design grafico.

 

Partendo da una selezione di marmi e calcari portoghesi, le opere originali risultanti evidenziano l’incontro di idee differenti: dall’applicazione della pietra su segnaletica, all’uso della materia che ha delle reminiscenze storiche nel suo uso come base per una tipografia specifica, o ancora ad allusioni più ironiche e politiche che riguardano il campo dell’arte.

 

 

Schermata 2017-03-11 alle 17.41.37

The post Still Motion appeared first on Interni Magazine.



Tratto da: Interni Magazine

Sedia pieghevole Ollie

sedia-pieghevole-ollie

Ollie è la nuova sedia pieghevole immaginata da RockPaperRobo, un’azienda al femminile nata a Brooklyn. Il design del progetto è firmato da Jessica Banks e Pete Schlebecker che hanno immaginato una speciale seduta pieghevole ma di gran carattere.

La sedia è perfettamente funzionale, niente affatto provvisoria e instabile come molte sedie pieghevoli. È confortevole, ampia, accogliente e soprattutto elegantissima. È anche molto originale grazie allo speciale sistema che consente di aprirla e richiuderla con un gesto.

L’idea che ha dato l’ispirazione alla sedia proviene dal mondo della scultura ma anche da quello delle macchine. Si può dire che questa sedia sia una vera e propria scultura mobile, in fin dei conti, visto che la trasformazione delle sue forme non altera il suo carattere quasi artistico.

Quando la sedia è piegata occupa pochissimo spazio, diventa letteralmente piatta, ma basta aprirla per ottenere una vera e propria poltroncina ergonomica, con tanto di supporto lombare per essere estremamente confortevole.

Il sostegno è in alluminio mentre il rivestimento è in listelli di legno di teak. Ciò la rende adatta sia ad un uso indoor che ad usi esterni perché è resistente agli agenti atmosferici. E per non farsi mancare niente oltre alla variante classica ci sono anche le speciali collezioni decorate, per colori e stampe.

sedia-pieghevole-ollie-11 sedia-pieghevole-ollie-01 sedia-pieghevole-ollie-02 sedia-pieghevole-ollie-03 sedia-pieghevole-ollie-04 sedia-pieghevole-ollie-05 sedia-pieghevole-ollie-06 sedia-pieghevole-ollie-07 sedia-pieghevole-ollie-08 sedia-pieghevole-ollie-09 sedia-pieghevole-ollie-10

Tratto da: www.designbuzz.it

Contenitori Elidi di Aliantedizioni

contenitori-elidi-01

L’occasione è il Fuorisalone 2017 nel corso del quale Aliantedizioni presenterà la sua nuova collezione di contenitori Elidi. Nati dall’estro dei designer Marco Paiani e Alessandro Loschiavo, sono versatili e originali.

contenitori-elidi-02

I contenitori sono multifunzione, sembrano corolle fiorite e si prestano a usi e interpretazioni diverse. Possono diventare il classico portafrutta al centro della tavola ma anche porta-oggetti in ufficio, nello studio, nella camera dei bambini, ovunque si voglia.

contenitori-elidi-03

Ricavati da un foglio di polipropilene colorato e traslucido, emergono dal piano per trasformarsi in fiori tridimensionali i cui petali si agganciano l’uno all’altro per creare un contenitore essenziale ma accattivante.

I contenitori si possono smontare e rimontare all’occorrenza con pochi gesti grazie al sistema di semplici incastri e ad un materiale flessibile e sicuro, facilmente lavabile e decisamente salvaspazio. E quando si conclude il suo ciclo di vita è completamente riciclabile.

contenitori-elidi-04



Tratto da: www.designbuzz.it

EVENTO: LA LUCE DEL MARMO

GIORNO DI INIZIO: 04 - 04 - 2017
GIORNO DI FINE: 08 - 04 - 2017
ORARI: 4 aprile 16:00 / 20:30 | 5/6/7/8 aprile 12:00 / 20:30
INDIRIZZO: Space&Interiors, The Mall - Ingresso: Piazza Lina Bo Bardi 1, 20124 Milano
QUARTIERE: Porta Nuova
CONTATTI: www.immcarrara.com / imm@immcarrara.com
DESCRIZIONE:

La Luce del Marmo

Il progetto, concepito come una vera e propria mostra dedicata al design, si sviluppa intorno a tre importanti tematiche: il marmo, la leggerezza e la luce, elemento fondamentale per la valorizzazione della materia e delle forme.

Un evento suggestivo che racconta il forte legame tra la LUCE e il MARMO, la più affascinante e nobile tra le materie naturali utilizzate in architettura e per la realizzazione di oggetti di design o di opere d'arte.

L'allestimento, focalizzato sull'eccellenza e la versatilità del marmo di Carrara, prevede l'esposizione dei manufatti come in un vero e proprio percorso museale dove ogni oggetto - creato ad hoc dalle aziende in collaborazione con talentuosi designer come Kengo Kuma, Fabio Novembre e molti altri - verrà sottolineato da un apparato luminoso capace di evidenziare la bellezza di questo nobile materiale in modo particolarmente suggestivo.

Partner tecnico di questa importante installazione illuminotecnica è Targetti, azienda toscana nota proprio per aver allestito numerosi impianti museali nel mondo.

Simbolo della mostra è BlockTheRock, un imponente blocco di marmo di Carrara sapientemente illuminato dall'interno che sarà posizionato sulla piazza antistante l'ingresso. Il blocco sarà la perfetta icona che accoglierà i visitatori di space&interiors e che comunicherà l'evento anche durante le notti milanesi del Fuorisalone.

Segui la pagina Facebook LA LUCE DEL MARMO https://www.facebook.com/carrarafiere.it




Giardini esterni verticali

Giardini verticali esterni: tipologie, vantaggi, informazioni, prezzi, idee d’arredo. 

giardino-verticale-

Un giardino verticale è un insieme armonioso ed elegante di piante che, invece di crescere su una superficie piana, viene disposto verticalmente.

Sulla base di dritte ed indicazioni tecniche botaniche le piante vengono disposte nella miglior posizione per la loro crescita e sviluppo.

Un giardino verticale esterno crea una sorta di “seconda pelle” all’edificio permettendo di risparmiare energia e di ridurre i costi di gestione dell’immobile.

casa-giardino-verticale

Infatti, durante l’estate le pareti si surriscaldano causando un innalzamento delle temperature interne degli edifici, aumentando così il consumo di energia e i costi per i sistemi di climatizzazione.

Con un giardino verticale esterno, invece, si riduce notevolmente il surriscaldamento delle pareti e di conseguenza la temperatura interna che, grazie alla camera di ventilazione tra la parete dell’edificio e il pannello vegetale, si può ridurre fino a 15°C ottenendo un notevole risparmio energetico.

giardino

I giardini verticali migliorano la qualità dell’aria in quanto le piante sono filtri naturali per l’aria, assorbendo sostanze tossiche e abbattendo le polveri.

Ricordiamo che attraverso il processo della fotosintesi si riduce la CO2, anidride carbonica, e si rilascia O2, ossigeno.

Diversi i sistemi sfruttati per ricreare un giardino verticale.

Tipologie di Giardini Verticali

giardini-5

Esistono differenti tipologie di strutture di sostegno per realizzare un giardino verticale:

  1. pannelli reticolari o griglie, sulle quali possono ancorarsi direttamente le piante rampicanti;
  2. montanti verticali da attaccare alle pareti (profili in alluminio, aste lignee o strutture reticolari) per integrarli alle strutture secondarie come reti grigliate o tesate (in acciaio o ferro zincato) o pannelli di tessuto;
  3. strutture compatte caratterizzate da un pezzo unico in legno, plastica, fibre di vetro o ferro. Queste conferiscono maggiore libertà di scelta nel progetto di verde, non avendo punti di ancoraggio.

Vantaggi di un giardino verticale

giardino-verticale-idee

Numerosi i vantaggi di un giardino verticale:

  1. Contribuisce alla riduzione dei consumi energetici dell’edificio, risparmia sul riscaldamento fino al 20% per il riscaldamento e 50% sulla climatizzazione estiva.
  2. I giardini verticali possono essere intesi come strumento di controllo ambientale, soprattutto nelle città, contribuendo a controllare il surriscaldamento.
  3. I giardini verticali migliorano l’isolamento acustico dell’edificio, fungendo da barriera sonora (può diminuire fino a 40dB i rumori, un grande beneficio per ridurre in modo naturale la riflessione del suono negli ambienti commerciali e nei luoghi di lavoro);
  4. Contribuisce alla filtrazione delle polveri e sostanze inquinanti;
  5. Senz’altro vi è un miglioramento estetico e architettonico della struttura che ospita un giardino verticale.

giardini

Giardini verticali

Vediamo insieme le più interessanti proposte di giardini verticali.

SUNDAR: GIARDINO VERTICALE SU PANNELLI DI TESSUTO

giardino-verticale-esterno

Grazie ad un innovativo sistema, Sundar permette la crescita delle piante su pannelli di tessuto, sfruttando le tecniche dell’idrocoltura.

I pannelli sono sostenuti da una struttura modulare distanziata dalla parete per garantirne la ventilazione e l’impermeabilizzazione.

giardino-verticale-esterno-3

L’impianto di irrigazione e fertilizzazione è automatico ed autonomo. L’insieme di tutte le tecnologie utilizzate garantisce bassi costi di manutenzione e la possibilità di avere sempre un quadro completo dello stato di salute e mantenimento delle piante.

Il peso della struttura, comprensivo delle piante, è di circa 50 kg/mq.

giardino-verticale-esterno-

Lo spessore del supporto è limitato a soli 4 cm; quello dell’intero giardino può variare da 15 a 50 cm. Il sistema precoltivato, presso gli ampi spazi aziendali, garantisce un pronto effetto e un risultato ottimale. Le piante in eventuale sofferenza possono essere facilmente rimosse e ripristinate.

MARINELLI: GIARDINO VERTICALE

marinelli

Prodotto da Sergio Marinelli, che ha sviluppato una ricerca per un sistema di “verde verticale” componibile e facile da realizzare anche in spazi ridotti, questo giardino verticale è composto da contenitori di terra realizzati con la rete stirata ELLISSE che accolgono un substrato ideale per piantare diversi tipi di vegetazione secondo le esigenze e i “gusti” cromatici e “olfattivi”.

Con piccole strisce di terra moltiplicate negli incavi della rete stirata, alloggiamo le radici proprio come fa la natura che sa far sbocciare i suoi germogli e sa farsi strada ovunque.

La soluzione Marinelli System è concepita per creare un “giardino verticale” dove la terra viene inserita progressivamente dall’alto; ogni apertura della maglia ELLISSE costituisce un incavo naturale che consente l’alloggiamento delle radici. Anche in spazi ridotti si può coltivare la passione per il verde!

Si possono abbinare le forme delle piante e accostare i colori preferiti, a contatto con la natura.

Così, scegliendo i giardini verticali, una parete spoglia diventa ricca e funzionale.

Foto: giardini verticali esterni

Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni Giardini verticali esterni

Articolo completo: Giardini esterni verticali dal blog Desainer blog sul Design



Tratto da: www.desainer.it