ULTIME NOTIZIE

maggio 10, 2017

Dita a Tokyo


Situato a Kotto-dori, lo spazio Dita Aoyama, unisce l’attenzione di uno showroom di lusso al preciso servizio di un laboratorio ottico.

 

La lunga storia del Giappone ha influenzato il lavoro sin dall’inizio di John Juniper e Jeff Solorio, che hanno fondato l’azienda nel 1995.

Il flagship store non solo è uno spazio dal design contemporaneo, è soprattutto un’occasione per i consumatori di sperimentare l’approccio unico di Dita all’artigianalità.

 

L’architettura eclettica e la vivace atmosfera di Aoyama sono stati il punto di partenza per il design del negozio: gli architetti Mandi e Mehdi Rafaty, dello studio TagFront, hanno tratto ispirazione dal quartiere storico considerando l’equilibrio materico necessario per l’intimo spazio di 69 metri quadrati.

I progettisti si sono concentrati su materiali e tecniche che combinano l’estetica dei movimenti artistici di fine secolo, come la Secessione di Vienna, con tecnologia e materiali moderni.

 

Ispirato al minimalismo, il negozio gioca sulla pulizia delle linee e sulla luminosità.

Finestre a pavimento nel lato sud del negozio, rivestite in pietra italiana e alluminio anodizzato, permettono alla luce del sole di brillare su piedistalli in ottone.

I soffitti scanalati del negozio – un cenno ai disegni lineari di interni giapponesi – si inseriscono in un display che mostra le ultime proposte di occhiali Dita nonché le collezioni di Thom Browne Eyewear e Christian Roth, quest’ultimo pioniere nel settore ottico, acquisito da Dita nel 2016.

 

Schermata 2017-05-04 alle 15.41.29 Schermata 2017-05-04 alle 15.41.34 Schermata 2017-05-04 alle 15.41.40

The post Dita a Tokyo appeared first on Interni Magazine.



Tratto da: Interni Magazine