ULTIME NOTIZIE

novembre 24, 2017

Nature morte (2000/2017)

Dopo una carriera dedicata alla fotografia pubblicitaria e agli spot televisivi, Christopher Broadbent nel 2000 decide di recuperare una dimensione privata, intima, del suo ‘mestiere’, per approfondire il tema dello still life.

Nel caso di Christopher Broadbent non esiste discontinuità di visione tra la produzione pubblicitaria e quella privata. Anzi, si potrebbe affermare che è stata la pubblicità ad adattarsi per molti anni al suo sguardo, alle sue atmosfere, alla sua cultura, al suo gusto.

Da sempre Christopher Broadbent indaga la più borghese, laica, privata e domestica delle forme dell’arte. La natura morta è la quintessenza dell’astrazione da parte dell’osservatore. Si tratta di una composizione che abolisce l’idea di tempo e dove la staticità degli elementi diventa motivo di sospensione astratta dalla realtà circostante. È riflessione stabile dell’esistere.

Christopher Broadbent porta queste considerazioni alle loro estreme conseguenze. Le sue nature morte sono di oggi, ma potrebbero essere del XVII secolo olandese, allo stesso modo. Dall’istantanea fotografica si scivola nel tempo infinito della storia, proprio perché il tempo in queste immagini è totalmente abolito, come i petali dei fiori che non stanno cadendo ma sono definitivamente caduti.

20-Memento-V 22-Scullery-IX 33-Flowers-XXXIb 41-Scullery-V 42-Memento-II 46-Shells Christopher Broadbent - Spikes Anvil & Cloth

The post Nature morte (2000/2017) appeared first on Interni Magazine.



Tratto da: Interni Magazine