ULTIME NOTIZIE

novembre 21, 2017

Taverna total look

Connotato dalla purezza delle forme, il progetto realizzato da Mobart Ben è caratterizzato da uno stile naturale ed ecocompatibile.

I committenti, una giovane famiglia, desideravano uno spazio dedicato, autonomo rispetto all’abitazione che si trova al piano superiore, dove ospitare gli amici per cene e trascorrere piacevoli momenti ludici e di relax.

L’essenza protagonista è l’abete cotto spaccato con finitura ad olio, scelto sia per i rivestimenti sia per gli arredi.

La zona dedicata alla preparazione dei cibi è organizzata con una composizione angolare in legno massello, con maniglie in cuoio. Il piano di lavoro e l’alzata sono in Porfido Viola con bordo a spacco, una pietra estremamente resistente.

 

La cucina si apre sulla zona pranzo e sul living, comunicando grazie ad un’ampia finestra ricavata nella parete, provvista di mensola in cristallo. L’apertura, oltre a svolgere la funzione di passavivande, è stata studiata anche come angolo snack grazie alla scelta di un bancone bar realizzato in pietra Dolomia con piano in abete.

Il raffinato contrasto legno-pietra caratterizza anche le pareti: rivestimento in abete cotto a doghe orizzontali nella parte inferiore e la pietra Dolomia per la parte superiore.

Ampio spazio è stato dedicato alla zona pranzo dove predomina un grande tavolo realizzato interamente in legno.

L’area dedicata al relax è la zona che rivela maggiormente il carattere del progetto e la volontà di chi l’ha commissionata: un ambiente dal design caldo e accogliente.

Una parete attrezzata ospita centralmente il caminetto a legno bifacciale.

Il controsoffitto è realizzato con travi e tavolato a vista, anch’essi in abete cotto spaccato, provvisti di faretti led incassati a filo.

Schermata 2017-11-15 alle 15.09.25 Schermata 2017-11-15 alle 15.09.31 Schermata 2017-11-15 alle 15.09.06 Schermata 2017-11-15 alle 15.09.43 Schermata 2017-11-15 alle 15.09.15 Schermata 2017-11-15 alle 15.10.05

The post Taverna total look appeared first on Interni Magazine.



Tratto da: Interni Magazine