ADI

La mitica Alpine A110 è pronta a tornare su strada: ecco tutto quello che c’è da sapere

Il 2017 sembra essere stato l’anno dei progetti nostalgia, da quello di Nokia con il 3310 a quello di Renault che – durante lo scorso Salone di Ginevra – ha annunciato il lancio della nuova generazione di Alpine A110, vettura che ha fatto letteralmente girare la testa nel corso degli anni Settanta. Per i più giovani, ricordiamo che la prima Alpine A110 uscì vincitrice del campionato del mondo rally del 1973 e della 24 ore di Le Mans nel 1978: questi due risultati, uniti al suo design unico in grado di far sognare, resero la vettura una delle più amate e desiderate di sempre.

Come accennato, grazie ad un’operazione “nostalgia” – ma assolutamente pronta a stupire le nuove generazioni – Renault, a capo del marchio Alpine, ha attivato una nuova divisione che si occuperà di produrre le nuove Alpine A110. In particolare, le vetture – dopo il lancio delle prime 1955 della versione “Première Edition” – verranno immesse sul mercato poco alla volta dallo stesso stabilimento in Normandia che produceva la sportiva negli anni Settanta. Ma cosa aspettarsi da questa nuova versione?

La nuova Alpine A110 riprende, almeno nella parte anteriore, il design di quella anni Settanta per poi trasformarsi sino a notare, nella parte posteriore, la totale assenza di spoiler. Le dimensioni, molto compatte, e la scocca fatta interamente di alluminio rendono la vettura leggerissima tanto da raggiungere un cx aerodinamico di 0,32. La nuova Alpine A110 è dotata altresì di motore 1.8 Turbo quattro cilindri da 252 CV che permette di passare da 0 a 100 chilometri orari in 4,5 secondi. Dopo il lancio della prima versione, Renault ha deciso di lanciare la nuova Alpine A110 in due versioni di serie: Pure e Legend, venduti a partire da 53mila euro.

In copertina: Alpine A110 – Credit: SEAN KLINGELHOEFER



Tratto da: www.luxgallery.it

Nessun commento:

Posta un commento

ISCRIVITI