ADI

22 Parkside, il progetto del 1968 di Richard Rogers, a Wimbledon, è stata riqualificata dallo studio Gumuchdjian Architects.

La dimora monopiano rivive oggi come ambiente per gli studenti della Graduate School of Design dell’Università di Harvard (Harvard GSD), per incontri e seminari.

La Wimbledon House comprende due wet room nella Lodge (la casetta), dalle superfici interamente rivestite in HI-MACS®L’effetto è sorprendente, anche grazie al soffitto vetrato che permette alla stanza di godere di molta luce naturale.

 Sono stati ideati bagni ampi e uniformi, senza confini visivi e fisici. Non delle semplici docce, ma delle wet-room pratiche, moderne ed eleganti. Una soluzione di qualità e dalle linee pure, che pur conserva le caratteristiche di robustezza e resistenza volute nel progetto iniziale del 1968.

Per questo è stato scelto HI-MACS®, termoformabile, oltre che robusto, resistente e igienico, che è stato utilizzato per tutte le superfici ed è stato lavorato in maniera tale da eliminare i segni di giunzione, per creare superfici continue e senza interruzioni. 

 

Wimbledon House_06 Wimbledon House_11(0) Wimbledon House_12(0) Wimbledon House_14(0) Wimbledon House_03 15f7a5bd-f564-46dd-9ec3-406c016f6040 Schermata 2018-02-21 alle 15.11.41 Schermata 2018-02-21 alle 15.11.47 Schermata 2018-02-21 alle 15.11.55

The post Wimbledon House appeared first on Interni Magazine.



Tratto da: Interni Magazine

Nessun commento:

Posta un commento

ISCRIVITI