ADI

Una casa che si pulisce da sola? È il sogno di tutte le donne, ma anche degli uomini che collaborano alle faccende domestiche. Grazie ai sempre più diffusi materiali autopulenti e antibatterici il desiderio non è poi così tanto distante dalla realtà.
Habitissimo, il portale che mette in contatto i privati che hanno bisogno di una ristrutturazione o riparazione in casa con i professionisti del settore, ci segnala i più innovativi presenti sul mercato in questo momento. 
La ceramica per esempio, grazie al biossido di titanio, con la semplice esposizione alla luce naturale o artificiale, si autoigienizza. Le sostanze organiche e inorganiche vengono così decomposte. Buone notizie anche per l’ambiente perché si registra una riduzione del 70 per cento degli agenti inquinanti.
L’acciaio invece è il materiale igienico per eccellenza, oltre a essere di facile pulizia. Non a caso è scelto dai cuochi per le loro cucine professionali.
Ci sono poi le superfici in quarzo e fra queste il top sono quelle realizzare in Silestone. È un materiale costituito da oltre il 94 per cento di quarzo naturale, che lo rende duro e resistente. Perfetto per piani cucina, bagni, pavimenti e rivestimenti a parete perché garantisce elevati standard igienici. Non si lascia intaccare per esempio dalle macchie di caffè, vino, succo di limone, olio d’oliva, aceto, trucco e molti altri prodotti di uso quotidiano.
Anche il laminato apre nuove frontiere. Fenix, realizzato con resine di nuova generazione, ha tra le sue caratteristiche un’alta attività di abbattimento della carica batterica.
Manca a questo punto solo il vetro che non necessita di alcuna pulizia e manutenzione. Esiste e presenta nella sua composizione ossidi di titanio che a contatto con sole e pioggia innescano l’azione autopulente. Il sole decompone le tracce di sporcizia, mentre la pioggia quando scorre non forma gocce e lava via definitivamente i residui decomposti dai raggi ultravioletti.



Tratto da: design.repubblica.it/

Nessun commento:

Posta un commento

ISCRIVITI