ADI

Sedie e pezzi metallici vengono inseriti in una macchina che le getta fuori pressate in cubi. Lo spettacolare congegno si chiama Stick and Stones e vuole far riflettere sul ruolo del design contemporaneo e della sua funzione all’interno della cultura del consumismo. Il creatore è Ron Arad, nato nel 1951 a Tel Aviv. Ha studiato all’accademia internazionale d’arte di Gerusalemme e presso la Architectural Association a Londra. Diplomatosi nel 1979 ha iniziato a lavorare per uno studio londinese finché un giorno è uscito per andare a pranzo e non è più tornato. Così è iniziata la carriera di un designer di fama mondiale, caratterizzato dalla continua ricerca della libertà attraverso percorsi non convenzionali.

Il primo oggetto di design creato dall’artista, ad esempio, è la Rover Chair del 1981, creata attaccando una coppia di tubi ad un sedile di una Rover 90 che aveva trovato in una discarica. Il metallo ricorre in molti pezzi dell’autore, dalla seduta Thinker Chair del 1988 alla libreria Bookworm del 1993, ma non è certo l’unico utilizzato da Arad, come si può notare dalla FPE Chair creata per Kartell nel 1997.

Questi e molti altri pezzi dell’autore saranno in esposizione dall’8 giugno al 14 ottobre 2018 al Vitra Design Museum, a Weil am Rhein in Germania. La mostra si chiama Ron Arad: Yes to the Uncommon! e il 7 giugno alle 18.30 il designer inaugurerà la mostra con un discorso d’apertura.



Tratto da: design.repubblica.it/

Nessun commento:

Posta un commento

ISCRIVITI