ADI

Tra le strade affollate del Tortona District, cuore pulsante del Fuorisalone di Milano, c’è uno spazio in cui suono e design dialogano sotto una nuova luce. Al civico numero 5 di via Novi basta, infatti, premere un interruttore perché un ambiente immerso nell’oscurità si trasformi in un luogo accogliente e luminoso, o alzare il volume della musica per invertire la rotta di una giornata cominciata con il piede sbagliato. Il merito è tutto degli articoli della serie Symfonisk, nati dal connubio tra il design di Ikea e il sound di alta qualità dell’azienda statunitense Sonos. «Volevamo mettere in discussione l’estetica tradizionale dei dispositivi hi-tech», spiega Iina Vuorivirta, una dei designer di Ikea of Sweden che hanno progettato Symfonisk, «Il nostro design doveva restare fedele alla qualità audio di Sonos, senza compromessi. Al tempo stesso, però, volevamo creare qualcosa di completamente nuovo».

La lampada da tavolo con cassa wi-fi esposta negli spazi di Torneria Tortona si ispira, non a caso, ai caminetti, capaci di emettere sia luci che suoni. Musica e luminosità si fondono, così, in un prodotto dal design estremamente pratico, pensato per una casa destinata a diventare sempre più smart. «Creare atmosfera e offrire soluzioni pratiche sono i temi centrali del concetto Ikea Home Smart, che ha ispirato anche lo sviluppo della serie Symfonisk» aggiunge Björn Block, Business Leader di Ikea Home Smart, «Noi di Ikea siamo sempre alla ricerca di nuove idee per migliorare la vita in casa. Integrando la tecnologia nei prodotti e nelle soluzioni d’arredo possiamo raggiungere più facilmente questo obiettivo».

Luci e suoni sono, d’altra parte, elementi fondamentali per creare la giusta atmosfera tra le pareti domestiche. Per questo, oltre alla lampada, la serie Symfonisk include anche una cassa wi-fi collegabile a diversi dispositivi, progettata per ridurre al minimo lo spazio occupato: può, infatti, essere fissata a una parete con dei ganci o essere appoggiata verticalmente su mobili e scaffali. «Il suono è una parte importante della nostra identità ed è capace di risvegliare forti emozioni» racconta Tad Toulis, vicepresidente del design di Sonos, «La speranza, dunque, è che Symfonisk contribuisca a trasformare degli spazi statici in luoghi pieni di vita».



Tratto da: design.repubblica.it/

Nessun commento:

Posta un commento

ISCRIVITI