ADI

Qual è la regola numero uno del buon giardinaggio? Avere rispetto di piante e fiori. Il che significa riuscire nel difficile, ma non impossibile, compito di curare le loro necessità e contemporaneamente ottenere un buon impatto estetico. Questo importante tema è protagonista dell’edizione 2019 di Orticola, la mostra-mercato milanese dedicata al vivaismo nata nel 1996 con lo scopo di promuovere il verde cittadino. Piante amiche: le buone associazioni botaniche è il titolo scelto per la manifestazione che spiega quali diverse specie crescono insieme riuscendo a condividere uno spazio nel modo migliore “perché hanno le stesse esigenze idriche, di temperatura, di terreno, in modo da ottenere anche la migliore combinazione estetica. Ad ogni luogo, quindi, il corretto accostamento di piante che, favorendo un maggior grado di ecosostenibilità, darà luogo a composizioni più autosufficienti, con minor bisogno di manutenzione, promuovendo risultati biologicamente ed esteticamente più corretti e più duraturi”, si legge in una nota degli organizzatori.

Sono i Giardini Indro Montanelli a fare da cornice all’evento con ha come protagonisti i vivaisti i quali espongono le loro collezioni floreali per contendersi i premi della giuria botanica e di stile. Lo spazio ospita anche un ricco calendario di incontri e laboratori (da scoprire qui) aperti ai visitatori senza dimenticare le attività dedicate ai più piccoli. Tra le novità di quest’anno Mirabilia, l’area dove è possibile conoscere da vicino piante rare e sconosciute provenienti da paesi lontani come l’Africa; in mostra ad esempio l’Acanthus sennii, un arbusto che si trova molto raramente in coltivazione con fiori rossi insoliti e fogliame appuntito. Inoltre viene consegnato un nuovo riconoscimento: il Premio Nord/Sud celebra la collaborazione tra Orticola di Lombardia e l’Orto Botanico di Palermo con lo scopo di valorizzare la biodiversità del nostro Paese, la grande differenza vegetale e climatica delle regioni italiane.

Come sempre Orticola porta una ventata di primavera anche in giro per la città di Milano con ad esempio le Vetrine Fiorite, l’iniziativa, ora ancora più estesa, che coinvolge 45 negozi in 11 vie del centro. Da non non perdere, l’installazione-omaggio a Leonardo Da Vinci: La Pergola dei gelsi al Castello Sforzesco si ispira all’affresco con i gelsi che il genio rinascimentale dipinse nel 1498 nella Sala delle Asse.



Tratto da: design.repubblica.it/

Nessun commento:

Posta un commento

ISCRIVITI