ADI

Non c’è due senza tre. Molteni&C|Dada apre, anzi riapre, il terzo flagship store a Londra, al 199 di Shaftesbury Avenue. Uno spazio, inaugurato per la prima volta nel 2008 e adesso rinnovato, che vuole essere un punto di incontro per gli architetti, i contractor, e un indirizzo di riferimento per chi è alla ricerca della cucina o dell’armadio più adatti alla propria casa.

In mostra, nello spazio di 330 metri quadrati, soluzioni pensate per ogni budget, stile e spazio: il sipario si apre con VVD, l’imponente cucina di Vincent Van Duysen, con il lungo bancone in noce e Ceppo dal forte spessore. Si prosegue con composizioni più accessibili, ma che non rinunciano ai materiali nobili come le essenze e le pietre naturali: come Vela di Dante Bonuccelli, una delle cucine più vendute, con il piano in Fenix, il materiale nanotecnologico messo a punto dall’azienda Arpa Industriale adatto al contatto con gli alimenti, resistente all’abrasione, ai solventi e ai reagenti domestici, al calore, morbido al tatto e anti impronta. Poi c’è Hi-Line6 progettata da Ferruccio Laviani, qui in un’elegante combinazione laccato opaco bianco e top in marmo di Carrara, con fuochi, lavaggio, cappa e piano lavoro sull’isola e forni e contenimento posizionati in un modulo a parete apri&chiudi, per celare il disordine quando arrivano gli ospiti. Fino a Trim con cappa aspirante sul piano che lascia libero il vano contenitore sopra i fuochi, e Prime Kitchen in total black.

Oltre alle cucine, anche gli armadi e i capolavori di Gio Ponti come il tavolo D.859.1, la sedia Woody di Francesco Meda, il sistema 505 Sytem di Nicola Gallizia, l’Arc Table di Foster + Partners e numerosi progetti di Rodolfo Dordoni.

«Il nostro nuovo flagship store ha una veste rinnovata e più tecnica, presentando in profondità di gamma la nostra offerta di sistemi di armadi Molteni&C e cucine Dada, diversificati per tipologia, finiture e caratteristiche, adatti all’offerta modulare del nostro catalogo», racconta Giulia Molteni, responsabile del marketing e della comunicazione di Molteni&C|Dada. «Lo spazio ha una natura ibrida, essendo dedicato al pubblico finale, ma anche agli interlocutori del BtoB come architetti e developer. Questo rinnovo lo rende complementare a quello recentemente inaugurato su Brompton e rappresenta un efficace strumento di vendita oltre che una vetrina internazionale». Un investimento importante, nonostante il clima di incertezza politica ed economica inglese: «La Brexit in realtà è ancora un punto di domanda, e per ora non ha assolutamente avuto ricadute sul nostro business. Il mercato UK è in costante espansione e dal dopo crisi 2009 è per noi un hub importante di progetti internazionali, grazie alla presenza dei più prestigiosi studi di architettura del mondo, come ad esempio lo studio Foster+Partners, che collabora con noi da più di vent’anni».



Tratto da: design.repubblica.it/

Nessun commento:

Posta un commento

ISCRIVITI