ADI

Inaspettati, dall’aria scultorea, davvero originali: sono gli arredi immaginati dal designer Michael Beitz che ha pensato agli spazi esterni e pubblici ma nulla vieta di metterseli in giardino o dentro casa, volendo.

Il pezzo che colpisce per primo lo sguardo e resta a lungo nella memoria è senz’altro la panchina che improvvisamente sembra arrampicarsi su per il muro. O, al contrario, discendere a cascata per trasformarsi in una pratica seduta dall’aria di installazione artistica.

Aggiungendo inaspettate estensioni o altrettanto inattesi twist (nodi, giri, contorsioni che siano) il designer ha trasformato pezzi base dell’arredamento, dai tavoli alle sedie alle panche, in qualcosa di totalmente nuovo e spiazzante. Ma sempre accattivante.

La panca che si curva creando una nicchia, il tavolo che si annoda al centro o esegue una ardita curva verso l’alto, la poltrona a cerchio o la panchina ripiegata sono i pezzi chiave della collezione. Che si fa ricordare.



Tratto da: www.designbuzz.it

Nessun commento:

Posta un commento

ISCRIVITI