ADI

Il nuovo divano modulare per cui perdere la testa si chiama Mist e lo firma Oyster per Bizzarto: è confortevole come deve essere un divano ma versatile come solo un pezzo di design ricercato è capace di essere, senza dimenticare di essere anche bello.

Le strutture degli elementi che si compongono tra loro sono stondate e si ispirano alle particelle dell’acqua nell’aria, ai colori del muschio che rivestono le rocce nel bosco, ai sassi nella foresta levigati dal fiume che la attraversa.

Gli elementi curvilinei si sposano tra loro per configurarsi nella forma di un divano multiplo, di una chaise longue, di una struttura più o meno articolata che può ospitare più persone. I moduli di varie dimensioni comprendono spalliere e braccioli, portapiante e ripiani oltre alle sedute vere e proprie.

I pezzi non restano collegati tra loro in via permanente quindi si possono rimodulare ogni volta che si vuole, riarrangiando la combinazione dei moduli. L’elemento contenitore può ospitare una lampada e comprende anche un caricatore a induzione per ricaricare i device elettronici. Oltre a uno spazio per accogliere coperte, riviste e telecomando.



Tratto da: www.designbuzz.it

Nessun commento:

Posta un commento

ISCRIVITI