Categorie
Casa

Tettoie per il riparo dell’auto: come sceglierle?

Alcune precipitazioni arrivano quando meno te l’aspetti: alcune non ci preoccupano minimamente ma altre potrebbero creare dei danni indesiderati. Il modo migliore per evitare danni e ripercussioni economiche alla propria auto è quello di possedere un garage. Non tutti però ne possiedono uno: la soluzione sono quindi le tettoie per il riparo dell’auto. Quando si decidere di acquistare un carport bisogna valutare qual è il più adatto alle personali esigenze e quale modello possiede il design adatto al contesto nel quale si desidera installare. Nei prossimi paragrafi capiamo gli aspetti da considerare e quali sono i materiali da scegliere per realizzare delle tettoie auto e mettere in sicurezza i propri veicoli.

Coperture auto: gli aspetti da considerare

Una volta deciso il materiale della copertura, veniamo alla scelta del modello. Come devi valutare le migliori coperture per auto? Una tettoia richiede anzitutto uno studio strutturale. Decidi quanto dovrà essere ampia la copertura auto esterna a seconda del mezzo che dovrà riparare (auto berlina, suv, camper, ecc.) o dell’area parcheggio da coprire e su quale base dovrà poggiare. Poi ragiona sul materiale: in commercio trovi coperture in legno o alluminio o in ferro. Nel prossimo capitolo analizzeremo meglio ogni materiale. Il consiglio generale è comunque quello di optare per l’ultima soluzione, in quanto le tettoie esterne in ferro garantiscono grande resistenza a qualsiasi agente atmosferico e durata nel tempo. Se cerchi una soluzione innovativa o guidi un auto elettrica valuta anche l’opzione green: esistono coperture auto e pensiline fotovoltaiche, in grado di generare corrente per la rete elettrica di casa o per ricaricare la macchina quando è parcheggiata.

Tettoie per auto in commercio: i materiali

Come accennato, tra le pergole auto in commercio troviamo soluzioni in legno, in alluminio, in ferro. Tutte queste sono adatte a proteggere l’automobile da possibili piogge, grandine, neve o dalla calura estiva. Ognuna possiede però delle caratteristiche distintive. Le tettoie per auto in legno, ad esempio, riescono ad adattarsi al meglio agli spazi outdoor di un’abitazione o di un’azienda. Spesso vengono realizzate con travi di abete, faggio o pioppo. Nonostante l’utilizzo di materiali il più naturali possibili, spesso questa tipologia di copertura viene trattata con vernici per resistere nel tempo alla formazioni di muffe. Le tettoie per auto in ferro sono le più solide e resistenti alle intemperie. Questa caratteristica viene utilizzata per creare diversi ripari in contesti aziendali o commerciali: sono le soluzioni più adottate da concessionarie, parcheggi di supermercati, piazzali e strutture ricettive. Spesso queste pensiline hanno una copertura in telo pvc o pannelli. Il telo di copertura in pvc viene per esempio usato per ripari ombreggianti e versatili come con le tettoie per auto retrattili che possono essere dotate di tetto avvolgibile quando si vuole ritrarre. Un esempio di tettoie e pensiline auto in ferro di Design sono le coperture realizzate dall’azienda Metexa. Completamente modulari e dall’impeccabile design realizzato su misura, queste tettoie sono pensate per la copertura di parcheggi aziendali e privati in giardino. Per saperne di più è possibile visitare la pagina dedicata ai modelli di tettoia auto Metexa. Infine possiamo trovare in commercio le tettoie auto in alluminio. Queste ultime sono delle coperture più leggere e dal design più accattivante. Il loro colore argentato le rende più armoniose e adattabile a diversi contesti, anche quelli più moderni. Di contro, l’alluminio garantisce una resistenza minore a sollecitazioni e intemperie; per questo risulta più adatto in contesti residenziali come per la costruzione di pensiline auto da giardino.

Scegli la giusta struttura valutando la manutenzione

Quando si parla di manutenzione bisogna rivalutare tutti i materiali descritti in precedenza. Il legno, essendo un materiale naturale, necessita di una costante manutenzione se si desidera protrarre la copertura delle auto per parecchio tempo. Anche per le tettoie in ferro la manutenzione non può mancare: uno dei metodi più utilizzati è quello di applicare un processo di zincatura a caldo che permette di evitare la formazione di ruggine. Grazie a tale procedimento le coperture auto in ferro risultano più resistenti alle intemperie e agli agenti esterni, annullando quasi del tutto la necessità di attività di manutenzione.

Permessi e prezzi delle tettoie auto

Per realizzare la tua copertura per auto probabilmente avrai anche bisogno di alcuni permessi. Presta attenzione allora alle normative e autorizzazioni per tettoie, eviterai di incorrere in un abuso edilizio. Se non sei sicuro dei permessi necessari, puoi sempre rivolgerti all’ufficio di competenza del tuo comune: ti saprà indicare tutti i dettagli e le pratiche da avviare. Infine, un’occhiata ai prezzi: valuta la migliore offerta per la tua tettoia senza dimenticare che stai investendo nel lungo periodo in una struttura che dovrà proteggere realmente il veicolo. Se non vuoi che la tua auto perda valore in fretta, non cercare coperture auto economiche, ma con il miglior rapporto qualità-prezzo.