Categorie
Casa

Camino a bioetanolo: cos’è e perché conviene

Caratteristiche del camino a bioetanolo e costo

Il camino a bioetanolo è una moderna soluzione di riscaldamento, che permette di coniugare calore ed energia green. Infatti, questo tipo di camino non fa uso delle legna come combustibile ma di un alcol che si origina dalla fermentazione di materia organica, ossia il bioetanolo. La caratteristica principale di un camino a bioetanolo è il costo (approfondisci qui www.maisonfire.com) che può essere particolarmente conveniente, sia nell’installazione che nei consumi.

Per prima cosa va sottolineato che questo metodo di riscaldamento è molto apprezzato perché, a differenza del riscaldamento a legna, non produce fumi e non lascia odori. Questo significa, come si vedrà in seguito, una minore manutenzione e una maggiore praticità. Un altro aspetto di particolare interesse è che non è necessario che vi sia una canna fumaria: si può quindi facilmente comprendere che questa soluzione è di più semplice progettazione e realizzazione. Infatti un camino a bioetanolo può essere installato ovunque, sia in appartamenti che in uffici, garantendo un elevato impatto estetico e un buon potere di riscaldamento.

Il costo di un camino a bioetanolo: i parametri da considerare

Definire il costo di un camino a bioetanolo non è semplice in quanto il prezzo finale dipende da un gran numero di parametri. Per prima cosa, infatti, bisogna valutare la marca del camino, la qualità dei materiali, le dimensioni e la potenza. Inoltre, si dovrà tenere conto della tipologia di camino, ossia se si tratti di un modello da incasso o meno. Ancora, ulteriori elementi da prendere in considerazione sono i consumi e la tipologia di accensione, sia essa manuale o automatizzata.

Per quanto riguarda la marca si può facilmente comprendere che un camino di un marchio noto può essere più costoso di uno realizzato da un piccolo marchio di basso richiamo: naturalmente, in questi casi la spesa maggiore può rappresentare un ottimo investimento, che si rispecchia sui materiali di qualità e, generalmente, su una buona assistenza al cliente. Anche le dimensioni sono un parametro che influenza il costo finale del camino, proprio come la potenza. Si ricorda che un camino più potente permette di garantire un maggiore potere di riscaldamento.

I modelli da incasso, oltre ad essere più costosi, necessitano anche delle spese murarie necessarie appunto per incassare il camino alla parete; tuttavia offrono una resa estetica molto bella, paragonabile proprio a quella dei camini classici.

La manutenzione del camino a bioetanolo: quali i costi?

Come già anticipato, uno dei punti di forza del camino a bioetanolo è che necessita di una manutenzione praticamente nulla. Questo combustibile, infatti, brucia in un apposito bruciatore senza lasciare ceneri o fuliggine e senza produrre fumi. Si tratta pertanto di una soluzione perfetta per chi ama i camini ma non ha tempo a disposizione per procedere alla manutenzione, ossia alla pulizia regolare del camino nonché della canna fumaria. Naturalmente, oltre al risparmio di tempo, l’assenza di manutenzione permette anche di assicurare un elevato risparmio sulle spese.

Una spesa da non dimenticare: il combustibile

Spesso, quando si parla di camino a bioetanolo e costo, si pensa all’acquisto e all’installazione e ci si dimentica di valutare la spesa per il bioetanolo, senza il quale non si potrà procedere all’accensione del camino. Il bioetanolo può avere un costo variabile che dipende dal tipo di prodotto scelto e dalla marca. I prezzi possono quindi variare ma difficilmente superano i cinque euro a litro.

Quando si fa l’acquisto di combustibile, però, si devono prendere in considerazione alcuni aspetti fondamentali che permetteranno di valutare la spesa legata proprio al bioetanolo. Infatti, i quantitativi di combustibile necessari dipendono dal modello di caminetto, ossia dalla sua efficienza energetica, nonché dalla potenza: un camino più potente, infatti, consumerà una quantità maggiore di combustibile. Infine, si dovrà considerare la durata media di utilizzo visto che più resterà acceso il camino, maggiori saranno i consumi e, quindi, i costi.